donazioni                                     INVIA LE TUE SEGNALAZIONI                             COMMENTA SU FACEBOOK  

   

CRONACA

Servizio RSS - Db_news offerto da www.carabinieri.it
  • Armi: due pistole e due fucili trovati da Cc nel soveratese
    (ANSA) - CHIARAVALLE CENTRALE (CATANZARO), 22 APR - I carabinieri della Compagnia di Soverato, nel corso di una battuta nella zona delle preserre catanzaresi, insieme allo Squadrone eliportato Cacciatori Calabria e di unità cinofile anti-esplosivo, hanno trovato una pistola revolver 44 magnum, una pistola con canne parallele senza matricola, due fucili cal. 12, 90 cartucce di vario calibro, 5 involucri, per complessivi 100 grammi, con hascisc e marijuana, e 4 bilancini di precisione. Armi e droga erano nascoste tra la vegetazione in un'area impervia di Chiaravalle Centrale. La battuta è stata disposta dopo segnalazioni relative alla presenza di un armadio blindato divelto e di possibile provenienza furtiva. Le ricerche sono proseguite anche in alcuni vicini casolari, abitati e non, con la scoperta di 6 flaconi di metadone e un block-notes contenente appunti manoscritti, con conseguente denuncia di un giovane del posto. Le armi verranno inviate al Ris di Messina per i successivi accertamenti tecnici. (ANSA).
  • Festa a Verona per l'associazione nazionale carabinieri
    Sfilata nel centro cittadino Roma, 22 apr. (askanews) - Festa a Verona per l'Arma dei carabinieri. Oggi c'è stata la sfilata dei radunisti che hanno percorso le principali vie del centro, in occasione del XXIV raduno dell'Associazione Nazionale Carabinieri. Alla presenza del Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri Giovanni Nistri e del Presidente dell'Associazione Nazionale Carabinieri Generale di Corpo d'Armata Libero Lo Sardo hanno sfilato oltre 80.000 Carabinieri in servizio e in congedo. Ha aperto la sfilata la Banda dell'Arma dei Carabinieri, seguita dalla Bandiera di Guerra, da una Compagnia di Carabinieri in Grande Uniforme Storica e da una Compagnia rappresentativa dei reparti Territoriali. A seguire il Medagliere dell'Arma dei Carabinieri, i Vertici dell'Istituzione in servizio e in congedo con i decorati di Medaglia d'Oro al Valor Militare, i componenti degli organismi di Rappresentanza militare e le compagnie del Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa e del Corpo Militare Volontario della Croce Rossa. Ha poi sfilato un secondo blocco aperto dalla Bandiera dell'Associazione Nazionale Carabinieri, seguito dai Vice Presidenti e dal Segretario Nazionale del Comitato Centrale dell'A.N.C., dai ragazzi dell'Opera Nazionale di Assistenza agli Orfani dei Militari dell'Arma dei Carabinieri, dalle sezioni estere e dai gruppi omogenei di ex Corazzieri, Carabinieri di Montagna, Subacquei, elicotteristi e Carabinieri ausiliari, da una rappresentanza degli "Angeli del Fango", carabinieri impiegati nell'opera di salvataggio dopo l'alluvione di Firenze del 1966, e infine da rappresentanze delle Associazioni d'Arma di Verona e di ex allievi della Scuola Militare "Nunziatella". E' stato quindi il turno del terzo blocco, aperto dalla Fanfara del 3° Reggimento "Lombardia" e composto dagli Ispettorati Regionali dell'Associazione Nazionale Carabinieri, e del quarto, rappresentativo dell'organizzazione di volontariato dell'Associazione con cinofili e mezzi, chiuso dai mezzi antincendio dei Vigili del fuoco e da pattuglie di Carabinieri a Cavallo. (Segue) Red/Nav
  • Festa a Verona per l'associazione nazionale carabinieri -2-
    Roma, 22 apr. (askanews) - La manifestazione dei carabinieri a Verona si è conclusa in Piazza Bra con la resa degli Onori alle Autorità. La sfilata ha coinvolto, dalle 9 alle 14, i soci provenienti dalle 1.690 Sezioni dell'Associazione Nazionale Carabinieri sparse sul territorio nazionale e dalle 34 sezioni estere, dal Canada all'Argentina, dall'Australia al Sud Africa, che si sono mescolati ai colleghi dell'Arma in servizio dando vita alla festosa manifestazione. Si è trattato del più importante momento della vita associativa di un sodalizio depositario della secolare tradizione di fedeltà dell'Arma, che si è confermato ancora una volta vivo e presente nel tessuto connettivo della società - si spiega in una nota - nella quale e per la quale opera assiduamente, in naturale prosecuzione di quel vincolo di appartenenza alla comunità che caratterizza l'Arma in servizio. A testimoniarlo, la presenza alla sfilata di numerosi Sindaci e Presidenti di Provincia con Gonfaloni, che rappresentavano idealmente quel sentimento di fiducioso affidamento con il quale sempre di più le comunità italiane gratificano i presìdi dell'Arma, integrandoli a tutti gli effetti nel loro patrimonio. Un impegno, quello dell'Associazione Nazionale Carabinieri, che si esplica nel settore del volontariato e della protezione civile, grazie all'instancabile ed entusiastica opera dei 125 Nuclei di Protezione Civile e dei 370 gruppi di volontariato costituiti su tutto il territorio nazionale, i cui mezzi hanno oggi accompagnato i radunisti nella sfilata. Numerose anche le famiglie dei soci, provenienti da ogni parte d'Italia, la cui presenza sottolinea l'importanza del loro sostegno e dimostra come possano considerarsi esse stesse cellule della più grande famiglia dell'Arma, il cui denominatore comune è costituito dall'incondizionata adesione al patrimonio di Valori che da sempre contraddistinguono l'Istituzione. Red/Nav
  • NAPOLI: CARABINIERI TROVANO PISTOLA NASCOSTA IN PALAZZINA, SEQUESTRATA
    Napoli, 22 apr. (AdnKronos) - Perquisendo una palazzina del complesso ''ex legge 219'' i Carabinieri della stazione di Brusciano della Compagnia di Castello di Cisterna hanno trovato un revolver con matricola abrasa e 4 cartucce: il tutto era nascosto in una scatola di derivazione dell'impianto elettrico vicino all'ascensore condominiale. L'arma e le munizioni sono state sequestrate. (Rre/AdnKronos)
  • CASERTA: IN AUTO CON TRE CHILI DI HASHISH, ARRESTATO
    Caserta, 22 apr. (AdnKronos) - E' stato sorpreso dai Carabinieri di Caserta mentre a Marcianise, in auto, stava trasportando 30 panetti di hashish per un peso complessivo di circa 3 chili. F.A., di 26 anni, è stato arrestato per trasporto e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La droga, sequestrata dai militari, era nascosta in una busta sotto il sedile del passeggero. Il 26enne si trova ora agli arresti domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo. (Dan/AdnKronos)
  • Droga:scoperta una centrale dello spaccio nel Vallo di Diano
    (ANSA) - PADULA (SALERNO), 22 APR - In un casolare di Padula, nel salernitano, scoperta una vera e propria centrale dello spaccio di sostanze stupefacenti da parte dei carabinieri della Compagnia di Sala Consilina. I militari, a seguito di appostamenti, hanno fatto irruzione nella struttura fatiscente ubicata in località Fiumicello sequestrando 138 grammi di sostanza stupefacente (di cui gr. 94 di hashish e gr. 44 di marijuana) già suddivisa in dosi, un bilancino elettronico di precisione, un grinder (oggetto impiegato per la triturazione della cannabis), 400 bustine in cellophane per il confezionamento, 18 bustine di ketoprofene, sostanza chimica utilizzata per il taglio delle droghe. I carabinieri, guidati dal capitano Davide Acquaviva, hanno tratto in arresto due giovani valdianesi, di 19 e 20 anni, uno dei quali già noto alle forze dell'ordine. L'operazione è scaturita da una serie di controlli antidroga per arginare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nel Vallo di Diano. (ANSA).
  • BRINDISI: CAMION CON 12 QUINTALI DI CAVI DI RAME RUBATO, ARRESTATO AUTISTA
    trafugato da centrale Enel Brindisi, 22 apr. (AdnKronos) - I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Brindisi, congiuntamente ai militari della Stazione di Tuturano, nel corso della notte hanno arrestato, nella flagranza del reato di furto aggravato, Angelo Andriulo, 56enne di Brindisi. A seguito dei servizi preventivi nel territorio, finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati, l'uomo è stato sorpreso alla guida di un autocarro OM 50 con oltre 600 metri di cavi in rame, del peso complessivo di 12 quintali per un valore di 30mila euro, asportati dalla centrale termoelettrica ''Federico II'' nella zona industriale di Brindisi. L'arrestato alla guida dell'autocarro, unitamente a due complici, inseguito dai Carabinieri non ha accennato a diminuire l'andatura e ha terminato la corsa in un canale di scolo. I due complici grazie all'oscurità sono riusciti a dileguarsi per le aree circostanti e sono attivamente ricercati. Nel corso della perquisizione all'interno dell'abitacolo dell'autocarro è stata rinvenuta una ricetrasmittente ancora in funzione e un binocolo, utilizzati per l'azione delittuosa. I 209 tranci di cavi di rame, della lunghezza di 3 metri ognuno, sono stati restituiti alla centrale Enel. Andriulo, dopo le formalità di rito, è stato associato nella casa circondariale di Brindisi. (Rre/AdnKronos)
   

News  

Informazioni

yara
 
   

CoolFeed Module  

   
© MY WORK